Manca sempre meno per dare il benvenuto a Xbox Series X nei nostri salotti. Alcuni aspetti che la riguardano, però, sono ancora un’incognita, ma le dichiarazioni di Jason Ronald – direttore del Program Management e Xbox Series X – intervistato dal sito Xataka, si sono rivelate estremamente interessanti, poiché hanno evidenziato i dettagli di una console che promette potenza e flessibilità.

I nuovi giochi saranno più belli che mai, ma quelli vecchi non precipiteranno nel “dimenticatoio”. Con Xbox Series X, infatti, saremo in grado di continuare a giocare a tutti i giochi che erano già disponibili su Xbox One e sulle console Xbox precedenti. Questo è uno dei punti chiave della strategia di Microsoft. Inoltre, stando a quanto dichiarato da Jason Ronald tali giochi funzioneranno meglio e senza perdere fotogrammi, offrendo agli utenti la possibilità di giocarli in ogni momento, con la massima fedeltà e nel modo in cui è stato originariamente progettato. Secondo Ronald, però, la retrocompatibilità di Xbox Series X non è esente da limiti. Ci sono alcuni giochi, infatti, i cui titoli di licenze risultano ormai scadute o difficili da riottenere e sebbene siano tantissimi i titoli che gli utenti vorrebbero rigiocare, Si tratta di una sfida che unisce i dubbi legati alla compatibilità della tecnologia necessaria per far girare questi giochi ai problemi di licenza”, come afferma il direttore, che conclude comunque con un: “Mai dire mai!”.

Xbox Series X

Un altro punto di forza di Xbox Series X è l’SSD che consente di massimizzare le prestazioni del sottosistema I / O. Tuttavia, se confrontato con l’SSD della PS5, Xbox Series X sembra essere in svantaggio, in quanto la velocità di trasferimento del sistema di archiviazione della console Sony è nettamente maggiore rispetto a quella di Microsoft. Ronald, però, sostiene che: “Le cose vanno oltre i numeri che possiamo o non possiamo condividere”. L’SSD personalizzato e con la tecnologia NVMe consente molte più cose, specialmente togliere un grande carico di lavoro alla CPU, inerentemente alla decompressione dei dati. Come afferma Jason Ronald, l’obiettivo è Offrire la migliore esperienza possibile ai giocatori, piuttosto che ‘dare la caccia’ determinati numeri da record”.

L’intenzione di Microsoft è quella di presentare ai suoi utenti una tecnologia in grado di coinvolgerli non soltanto con l’ambiente visivo, ma anche con quello uditivo, migliorando nettamente l’esperienza di gioco. Inoltre, Xbox Series X sarà dotata di un connettore HDMI 2.1, in grado di supportare fino a 120 FPS. Sono super orgoglioso di ciò che il team di ingegneria meccanica e di design hanno creato. Hanno davvero progettato l’Xbox Series X in modo da avere il sistema di raffreddamento più efficiente possibile” conclude Ronald.

Di Riv3rsE

Founder di AXIOS Halo Italia (YT, FB, INSTA) ed Halosofia. Editor per la pagina Facebook "Le più belle frasi di Halo" (+3.4k membri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.