Menu

Xbox Series X vs Series S: ecco cosa cambia


Microsoft ha finalmente ufficializzato tutti i dettagli relativi alla sua proposta di console next gen, ora composta da Xbox Series X e dalla sorella minore Series S, quindi quale miglior momento di questo per effettuare un confronto diretto tra le due piattaforme? La casa di Redmond ha infatti rilasciato le schede tecniche complete di entrambe le console, tuttavia la comunicazione iniziale non ha evidenziato in maniera marcata le reali differenze tra Series S e Series X.

In questo articolo vogliamo quindi proporvi la tabella comparativa delle console, senza però limitarci ai soli numeretti, analizzando tutti gli elementi che differiscono tra le piattaforme ed evidenziando in che modo possono incidere sulla vostra esperienza di gioco.

  • XBOX SERIES X VS SERIES S: DATI A CONFRONTO
  • COSA CAMBIA NEL CONCRETO
  • QUALE SCEGLIERE

XBOX SERIES X VS SERIES S: DATI A CONFRONTO 


Xbox Series X vs Series S: confronto specifiche

Tutte le caratteristiche tecniche complete di Xbox Series X e Series S

CaratteristicheXbox Series XXbox Series S
CPUCPU 8-Core AMD Zen 2 @ 3,8GHz, 3,6GHz con SMTCPU 8-Core AMD Zen 2 @ 3,6GHz, 3,4GHz con SMT
GPUGPU AMD RDNA 2, 52 Compute Unit @ 1,825GHzGPU AMD RDNA 2, 20 Compute Unit @ 1,565GHz
Potenza GPU12,15 TFLOPS4 TFLOPS
System on a ChipSoC propietario a 7nm EnhancedSoC propietario a 7nm Enhanced
RAM16GB di RAM GDDR6, di cui 10GB @ 560 GB/s e 6GB @ 336 GB/s10GB di RAM GDDR6, di cui 8GB @ 224GB/s e 2GB @ 56GB/s
Performance di riferimento4K @ 60 FPS, sino a 120 FPS1440p @ 60 FPS, sino a 120 FPS (4K supportato tramite upscale)
Memoria di archiviazione1TB PCle Gen 4 NVMe SSD 2,4GB/sec (dati non compressi), 4,8GB/sec (dati compressi)512GB PCle Gen 4 NVMe SSD 2,4GB/sec (dati non compressi), 4,8GB/sec (dati compressi)
Espansione di memoriaScheda di espansione da 1TBScheda di espansione da 1TB
RetrocompatibilitàCompatibilità con migliaia di titoli Xbox One, Xbox 360 e Xbox originale al lancio. Compatibilità con gli accessori Xbox One.Compatibilità con migliaia di titoli Xbox One, Xbox 360 e Xbox originale al lancio. Compatibilità con gli accessori Xbox One.
Lettore ottico4K UHD Blu-raySolo digitale
Uscita videoHDMI 2.1HDMI 2.1
Prezzo499 Euro299 Euro

COSA CAMBIA NEL CONCRETO


La tabella riassuntiva ci permette di notare le tantissime similitudini tra le due console, a conferma del fatto che ci troviamo effettivamente davanti ad una singola idea di hardware declinata in due varianti che differiscono principalmente sotto 4 aspetti importanti:

È comunque importante sottolineare come, al netto delle differenze prestazionali lato GPU e di capacità lato SSD, entrambe le console utilizzino le stesse architetture e soluzioni tecnologiche: sia Series X che Series S sono quindi in grado di supportare allo stesso modo le potenzialità offerte dalla Xbox Velocity Architecturel’accelerazione hardware per il DirectX Raytracing, il Variable Refresh Rate, il Dynamic Latency Input e tantissime delle caratteristiche uniche di Xbox che Phil Spencer ha illustrato nel corso di questi mesi.

Particolarmente interessante la scelta di adottare la stessa CPU Zen 2 in una configurazione praticamente identica, che si differenzia esclusivamente per 200 MHz di clock (sia in modalità standard che con SMT) che non dovrebbe avere alcun impatto negativo apprezzabile. Probabilmente la scelta di mantenere un clock leggermente inferiore (3,8GHz vs 3,6GHz) è dovuta anche al diverso sistema di raffreddamento richiesto per via delle dimensioni compatte di Series S (ha un volume inferiore del 60% rispetto a Series X).L’hardware di Xbox Series S: il sistema di raffreddamento è molto più piccolo di quello di Series X

Ciò che cambia, nel concreto, è il limite verso cui queste due piattaforme tendono. Xbox Series X guarda con sicurezza al mondo del 4K nativo, grazie ad una GPU RDNA 2 da 12,15 TFLOPs in grado di garantire performance sufficienti a supportare i titoli next gen al massimo della risoluzione possibile.

D’altro canto, complice un comparto grafico più contenuto (4 TFLOPs, sempre RDNA2), Xbox Series S si accontenta di raggiungere al massimo i 1440p nativi (ma il focus è anche sul 1080p), lasciando che sia l’upscaler della console a permetterle di supportare l’output in 4K. Ricordiamo che un’immagine 4K contiene ben 8.294.000 pixel, contro i 3.686.400 pixel del 1440p e i 2.073.000 pixel dei 1080p. Questi numeri ci aiutano a capire meglio l’effettivo rapporto tra le varie risoluzioni in gioco.

Microsoft sembra garantire parità di performance tra le due piattaforme, ad eccezione per quanto riguarda la risoluzione. Su questo punto non possiamo che concedere alla casa di Redmond il beneficio del dubbio, visto che non abbiamo elementi che possano attestare una discrepanza su aspetti come il frame rate (entrambe puntano ai 120 fps), il numero di elementi presenti sulla scena, la qualità del raytracing e così via. La palla passa quindi agli sviluppatori e alle prime comparazioni che ci permetteranno di confrontare direttamente lo stesso gioco in esecuzione su Xbox Series X e Series S.Il cuore di Xbox Series X

Una menzione a sé merita il discorso della memoria RAM, la quale sembra essere l’altro vero elemento distintivo tra le due piattaforme, non tanto per quanto riguarda la capacità (16 vs 10GB), quanto la velocità. Xbox Series S, infatti, utilizza delle memorie molto meno veloci di quelle presenti su Series X (560 GB/s vs 224 GB/s per quella più rapida, 336 GB/s vs 56 GB/s per quella più lenta), fatto che ci suggerisce un diverso scenario di utilizzo tra le due soluzioni.

La memoria più lenta di Series X è comunque più veloce della migliore presente su Series S e questo è dovuto al fatto che 3,5GB dei 6GB a 336 GB/s sono anch’essi dedicati ai giochi, mentre solo 2,5GB restano a disposizione del sistema operativo. I 2GB a 56 GB/s presenti su Series S dovrebbero svolgere lo stesso compito dei 2,5GB “extra” di Series X ed è probabile che Microsoft abbia deciso di non frammentare ulteriormente la memoria dell’ammiraglia (dividendola in 3).

Tutto ciò per dire che quei 2GB a bassa velocità di Series S non devono preoccupare e che anche i 224 GB/s degli 8GB dedicati ai giochi non sembrano essere un problema, specialmente se ricordiamo il target della consoleGli asset per il 1080p e il 1440p hanno un peso molto inferiore rispetto a quelli dedicati al 4K, quindi è possibile che la velocità delle memorie sia adeguata a gestire questi carichi più leggeri nello stesso arco temporale. Spingersi oltre, probabilmente, non avrebbe portato vantaggi concreti.

Sempre restando in ambito “memorie” è bene evidenziare che entrambe le console supportano l’espansione tramite lo slot dedicato alle schede proprietarie (realizzate da Seagate), tuttavia Series X offre ben 1TB contro i 512GB di Series S. Nessuna differenza per quanto riguarda la qualità di questi SSD. Il motivo di utilizzare una memoria più piccola su una console All Digital è sostanzialmente legato alla necessità di contenere i costi.

Teoricamente Smart Delivery dovrebbe darci una mano in questo senso, visto che la tecnologia di Microsoft dovrebbe fare in modo che i titoli installati su Series S contengano solo gli asset adatti alle risoluzioni supportate, quindi è possibile che lo stesso titolo abbia un peso diverso tra Series S e Series X, visto che quest’ultima sfrutterà asset in alta definizione per la gestione del 4K nativo.La scheda di espansione di memoria ufficiale di Xbox Series S e X

Per finire, le due console si distinguono per la presenza (Series X) o l’assenza (Series S) del lettore ottico. Questo significa che la proposta più economica è fortemente dipendente da una connessione internet di alta qualità, dal momento che l’unico modo che avrete per installare i giochi è attraverso lo store Xbox. Parliamo di installare e non acquistare in quanto è plausibile che i codici per l’acquisto dei titoli digitali possa avvenire anche su piattaforme diverse (come Amazon e la grande distribuzione) quindi, sebbene sia certo che dobbiate passare per lo store per riscattarli, questo non dovrebbe essere l’unica scelta.

Resta però da considerare l’impossibilità di accedere al mercato dell’usato e lo scambio delle copie fisiche tra amici e parenti, ovvero le stesse problematiche che abbiamo evidenziato anche in occasione della presentazione di PlayStation 5 Digital Edition.


QUALE SCEGLIERE


Arriviamo quindi alla domanda fatidica: quale scegliere? I 200 euro di differenza tra le due console rendono molto più semplice definire il pubblico per entrambe le piattaforme, anche se è bene ricordare che gli scenari che vi proponiamo non coprono la totalità dei casi. Ricordiamo che entrambe saranno disponibili dal 10 novembrecon preordini a partire dal 22 settembre.


Conviene Xbox Series S (299 euro) se:

  • Si cerca una porta d’accesso economica a Game Pass, senza rinunciare alle caratteristiche chiave della next gen (che Xbox One X non può offrire)
  • La questione risoluzione non è un problema
  • Il gaming è una passione “occasionale”, quindi non si vogliono fare investimenti importanti
  • Si ha una connessione che permette di scaricare i titoli digitali abbastanza rapidamente
  • Si vuole acquistare una console Microsoft da affiancare a PS5 con una spesa minima
  • Si cerca una console più compatta e facile da trasportare

Conviene Xbox Series X (499 euro) se:

  • Non si vogliono accettare compromessi dal punto di vista della risoluzione
  • Il supporto fisico è indispensabile (preferenze personali, assenza di fibra, per usare la console come lettore Blu-Ray 4K)
  • Il budget non è un problema
  • 512GB stanno stretti

No comments

Lascia un commento

T-Shirt 343 GUILTY SPARK

Tazza UNSC Logo (Stile NASA)

T-Shirt UNSC Logo (stile NASA)

Archivi

ULTIMO VIDEO YOUTUBE